festival di cannes 2013 meteore musica popolazioni ai confini

The Artist: quando il cinema incanta

11 giugno 2012 | By More
Share

The Artist è il film più premiato dell’anno: vincitore di 3 Golden Globe, 7 BAFTA, 6 César, 5 Oscar, tra cui Miglior Film, Miglior Regia e Miglior Attore Protagonista, premio vinto anche al Festival di Cannes 2011 da Jean Dujardin.
Michel Hazanavicius rispolvera il cinema muto, conferendogli nuovo lustro e creando di fatto un vero e proprio capolavoro della cinematografia, oggi finalmente disponibile in Blu-ray e Dvd.
The Artist racconta la Hollywood degli anni ’20 e ’30 mostrando il cinema che parla di se stesso.
George Valentin è un divo di successo del cinema muto. L’avvento del sonoro lo fa entrare in un vortice autodistruttivo e il suo orgoglio lo porta a rifiutare il cambiamento in atto. Nel frattempo la comparsa Peppy Miller entra a far parte del firmamento delle stelle hollywoodiane. Il loro incontro si rivela fondamentale per entrambi.
Era da tempo che il regista nutriva il desiderio di cimentarsi nella realizzazione di un film muto, in parte perché affascinato da quel cinema d’altri tempi e in parte perché voleva mettersi alla prova con un diverso linguaggio cinematografico. Nel cinema muto tutto passa attraverso le immagini e l’organizzazione di ogni più piccolo dettaglio. Nessuna immagine è gratuita, tutte servono a raccontare una storia. L’obiettivo principale di Hazanavicius è stato quello di creare delle suggestioni, delle emozioni e delle sensazioni che potessero raggiungere lo spettatore lungo tutto l’arco del film.
The Artist non scimmiotta i film romantici o comici muti, gli attori non eccedono nella loro performance, il regista ha voluto che la loro fosse un’interpretazione naturale, e se qualche ammiccamento se l’è concesso, questi è circoscritto e consono alla narrazione.

Nella pellicola si possono riscontrare degli echi della Hollywood degli anni ’20 e ’30, senza però che l’autore abbia pensato a un personaggio specifico. C’è chi farà delle associazioni con la storia di Greta Garbo e John Gilbert, chi ricorderà Charlie Chaplin (che come Valentin ha rifiutato a lungo il sonoro) e chi ne penserà degli altri.
Nel film gli aspetti comici si intrecciano perfettamente con quelli drammatici e romantici. Quella delineata è una storia che parla di un amore puro e sincero, di come l’orgoglio possa danneggiare un uomo e di come la celebrità sia vacua e abbia una scadenza. Chi vi ripone tutte le proprie speranze rischia di ammalarsi di depressione e non vedere altro che il proprio passato, come accade a Valentin.

Il cagnolino del film è esilarante, ricoprendo un ruolo tutt’altro che marginale, determina invece le simpatie che lo spettatore nutre nei confronti del suo padrone. “Se il cagnolino è affezionato a George Valentin, vuol dire che l’uomo non deve essere poi così male. Hai fiducia nell’istinto del cane” – ha spiegato Michel Hazanavicius.
Per quanto riguarda gli aspetti tecnici il regista si è impegnato in tutti i settori. Al compositore Ludovic Bource ha richiesto musiche ben precise, che non invadessero il campo filmico, che non prendessero il sopravvento sulle immagini. Vediamo spesso la musica attenersi ai gesti degli attori e questi ne vengono trasportati diventando un tutt’uno con essa.
Il direttore della fotografia Guillaume Schifmann è alla sua terza collaborazione con il regista. Ha giocato sui contrasti, sulle ombre, utilizzando le luci in modo tale da conferire ad ogni inquadratura il giusto significato emozionale. Le riprese sono state fatte in 35 giorni negli studi cinematografici hollywoodiani ed è proprio lì che la magia ha preso vita.
Con The Artist Hazanavicius riporta lo spettatore indietro nel tempo, facendogli assaporare per un paio d’ore la bellezza del cinema all’epoca del muto e dei suoi artisti, quelli che intere generazioni hanno amato e amano tutt’ora. È un film elegante, raffinato, divertente e non si sente minimamente la mancanza delle parole.

The Artist
id
Regia: Michel Hazanavicius
Sceneggiatura: Michel Hazanavicius
Cast: Jean Dujardin, Berenice Bejo, John Goodman, James Cromwell, Penelope Ann Miller
Produzione: Francia – Belgio 2011
Durata: 100’
Distribuzione: Bim e 01 Distribution
Contenuti Blu-ray e Dvd: Making Of, Dietro le quinte, Errori sul set, Intervista a Michel Hazanavicius, Traile Cinematografico

Tags: , , ,

Category: Cinema

About the Author ()

Comments are closed.